Home Page Home PageBiografie ArtistiAggiudicazioniAnnunciContatti
Cerca
Ricerca Avanzata
Tutte le opere
Biografie Artisti
Aggiudicazioni
Come Comprare
Come Vendere
Chi Siamo
Faq
Privacy
Guida al Sito

Autore: Marco Maria Rossi
Complimenti, complimeti! Il servizio di assistenza è stato molto disponibile... mi è stato molto utile.Ancora complimenti.
22/01/2009
Biografia di Afro
Afro

Udine 1912- Zurigo 1976;

 

Afro-Libio Basaldella, è fra i massimi esponenti dell’Astrattismo italiano. Studia a Venezia e Firenze. Nel 1928 espone alla I Mostra della Scuola friulana d'avanguardia e, l'anno successivo, alla XX Esposizione dell'Opera Bevilacqua La Masa a Venezia. Grazie alla Borsa di studio della Fondazione Marangoni, nel 1929 si trasferisce a Roma, dove entra in contatto con i protagonisti della “Scuola Romana”: Scipione, Mario Mafai e Corrado Cagli. Nel 1932 è a Milano, e qui con il fratello Mirko, che è scultore, frequenta lo studio di Arturo Martini. Conosce Birolli e Morlotti. Nel 1933 espone alla Galleria del Milione.

 

Nel 1934 Afro torna a Roma. Si lega al gruppo di artisti Capogrossi, Cavalli, Fazzini, Guttuso, Leoncillo, Pirandello che gravita attorno alla Galleria della Cometa di Libero de Libero e Corrado Cagli. Sono gli anni degli affreschi per il Collegio dell'Opera Nazionale Balilla di Udine (1936), ora scomparsi. Nel 1935 espone alla Quadriennale di Roma, nel 1936 alla Biennale di Venezia. Nel 1937 è a Parigi. Insieme a Corrado Cagli, lavora alle decorazioni per l'Esposizione internazionale. Nel 1939 Afro partecipa alla III Quadriennale di Roma, partecipa anche a numerose mostre a risvolto sociale, tipiche di quegli anni, e ad alcune edizioni del Premio Bergamo. Nel 1940 espone alla Biennale di Venezia con Montanari e Tamburi.

 

Con lo scoppio della guerra, Afro si trasferisce a Venezia. Conosce Vedova, Turcato, Santomaso e insegna all'Accademia di Belle Arti. Dopo il 1945, superata una breve fase espressionista, approda a una sintesi lineare e coloristica, che si ricollega al suo interesse per il Cubismo. Il 1949 è un anno importante per l'evoluzione artistica di Afro: dopo aver esposto al MoMa di New York alla mostra “XXth Century Italian Art”, entra a far della “scuderia” della gallerista newyorchese Catherine Viviano e si avvicinandosi alla produzione degli artisti americani dell'Action Painting, Kline e De Kooning in particolare.

 

Nel 1951 Afro torna a Roma. Partecipa alla mostra “Arte astratta e concreta in Italia” alla Gallera galleria Nazionale d'Arte Moderna di Roma e ad alcune collettive. Vince il primo premio alla Biennale di San Paolo del Brasile. Tra il 1952 e il 1954 entra a far parte del Gruppo degli Otto in cui confluiscono molti artisti del Fronte Nuovo delle Arti (Birolli, Morlotti, Turcato, Santomaso, Vedova. Insieme a tutto il gruppo, patrocinato da Lionello Venturi, Afro espone alla XXVI e alla XXVII Biennale di Venezia (1952 e 1954), ad Hannover, Colonia e Berlino.

 

Nel 1955 Afro espone alla prima Documenta di Kassel, alla Quadriennale di Roma e alla mostra “The New Decade: 22 European Painters and Sculptors”, al MoMA di New York. La mostra sarà presentata a New York, Minneapolis, Los Angeles e San Francisco. Nel ’56 vince il primo premio quale miglior artista italiano alla Biennale di Venezia, edizione nella quale partecipa con una sala personale. Successivamente lavora come “Artist in residence” presso il Mills College di Oackland, dove realizza gli studi preparatori per Il Giardino della Speranza, destinato alla sede centrale dell'Unesco a Parigi. Gli anni che seguono lo vedono impegnato in numerose mostre internazionali: Documenta di Kassel (1959 e 1964), Biennale di Venezia, Guggenheim Museum of New York, Mathildenhöhe di Darmstadt, Kunsthalle di Darmstadt (1969-70), Neue Nationalgalerie di Berlino.



Aggiudicazioni Afro Altri Artisti

Opere in vendita dell'artista

Non ci sono opere in vendita al momento

Altri Artisti

  Home Page | Compra | Vendi | Accedi | Area Personale | Registrati
  Chi Siamo
| Faq | Privacy | Come Comprare | Come Vendere

Credits: Sviluppo Web Innovidia
Copyright © 2007 | P. Iva 05722781217